<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=366101480444551&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Gli Approfondimenti di ExpoNetwork

Una iniziativa di

GRS srl

 

Iscriviti agli Approfondimenti:

20-nov-2017 9.10.32 | by Elisa Giachelle | 4 Comments

Le 10 tecnologie per il settore fieristico che non conosci!

Le 10 tecnologie_banner.pngQualche giorno fa abbiamo visitato l’EventTechLive di Londra, un evento dedicato alle tecnologie applicate in ambito fieristico e degli eventi, per scoprire le novità che stanno per entrare nel nostro settore.

Ecco una lista delle 10 novità che riteniamo più interessanti e che non sono ancora largamente diffuse nelle fiere italiane. 

 

facial-recognition.jpg1. Facial recognition per l’accreditamento dei visitatori

  • Il riconoscimento facciale per alcune fiere potrebbe essere uno strumento estremamente utile per accelerare e rendere più accurata la fase di accreditamento e accesso dei partecipanti in fiera.
  • Non appena il partecipante entra in fiera, il suo volto viene scansionato dalle telecamere poste nel corridoio d’ingresso, contestualmente viene stampato il suo badge personale e registrato il suo ingresso.
  • Le foto dei partecipanti vengono raccolte in fase di registrazione, attraverso l’upload di file jpg o il collegamento ai social.
  • Questo sistema permette di ottenere anche dati real-time sulle presenze in fiera, sulle affluenze e sul tasso di no-show.

 2. Power charger station

  • Un must per le fiere B2B, nella quale i partecipanti trascorrono diverse ore, è la predisposizione di charging station per i cellulari.
  • Le tecnologie di ricarica dei cellulari stanno rapidamente evolvendo, e sono oramai disponibili stazioni di ricarica dove lasciare il proprio cellulare in tutta sicurezza (protette da pin o con riconoscimento a mezzo carta di credito), o tavolini con charging pad (ricarica wireless) incorporati, ideali da utilizzare nelle aree di networking.

3. Silent workshop

silent-workshop.jpg
  • Uno dei problemi più comuni nell’organizzazione di convegni o workshop all’interno delle fiere, riguarda l’acustica.
  • Questo problema ora può essere risolto con l’utilizzo di cuffie che permettono al partecipante di ascoltare i relatori senza venire disturbati dai rumori di sottofondo del padiglione.
  • In questo modo l’organizzatore non dovrà più creare delle sale chiuse, in posti di scarsa affluenza. Al contrario potrà creare delle “piazze della conoscenza” aperte e più visibili.

4. Interpretariato multilingue cloud based

  • Uno dei limiti delle fiere B2B che attraggono molti visitatori esteri, è quello di non poter tradurre in tutte le lingue necessarie i workshop o convegni, soprattutto per ragioni di budget. Spesso questo aspetto impedisce anche di invitare relatori di spicco per il settore che non sanno esprimersi nella nostra lingua o in inglese.
  • Con le soluzioni cloud based di interpretariato da remoto, è possibile abbattere notevolmente i costi dell’interpretariato, sia dal punto di vista tecnico (non servono le cabine) che dal punto di vista dell’interprete stesso (logistica e costo dell’interprete).
  • I partecipanti possono ascoltare le traduzioni sia attraverso le tradizionali cuffie, che via smartphone, scaricando un’apposita app.

tracciabilità.png5. Tracciabilità dei flussi

  • Quante volte ci siamo chiesti quali sono le zone calde della fiera? Dove vanno i partecipanti, e quanto tempo si fermano?
  • Con la geolocalizzazione e con la mappatura degli spostamenti dei cellulari è ora possibile tracciare in modo scientifico i flussi, identificare i punti caldi della fiera e quelli meno frequentati.
  • Con questi dati sarà quindi possibile verificare i picchi di affluenza, valutare come migliorare il floorplan e confrontarlo con la soddisfazione degli espositori, rivedere il pricing, ecc.

6. Virtual Reality e Augmented Reality

  • La realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR) possono essere utilizzate sia per attrarre visitatori allo stand, che come strumenti pratici di esperienziazione di un prodotto.
  • Mentre la VR proietta l’utilizzatore in uno scenario parallelo del tutto sconnesso dalla realtà, con l’AR figure e scritte digitali vengono contestualizzate nell’ambiente per arricchirlo di nuovi contenuti.

virtual-reality.pngPHOTO Alexander Koerner/Getty Images:President Barack Obama and German Chancellor Angela Merkel visit the ifm electronics stand at the Hannover Messe industrial trade fair, April 25, 2016, in Hanover, Germany.


7. Event management platform

  • Le piattaforme di event management stanno sempre più centralizzando tutti gli aspetti che riguardano l’organizzazione degli eventi.
  • Quelle più complete si occupano di vendite (sia di stand che ticketing), marketing, operations, finance, floor planning, gestione relatori, accreditamento partecipanti, servizi, matchmaking, gestione del personale, ecc.

 8. Cash-less

  • La gestione del contante, soprattutto negli eventi B2C, può rappresentare una criticità importante, con conseguenze anche rilevanti per i risultati della fiera.
  • Con le tecnologie cash-less si potranno evitare le code ai bancomat, i POS non funzionanti non saranno più un problema, ed i visitatori non dovranno rinviare i loro acquisti.
  • Con le tecnologie cash-less è inoltre possibile analizzare l’andamento delle vendite, individuare i big-spender, il volume d’affari generato dalla fiera, ecc.

9. Floorplan interattivi

  • Sembra che i tabelloni con le piantine dei padiglioni in formato cartaceo abbiano le ore contate. Le nuove tecnologie permettono di realizzare facilmente floorplan in formato digitale, da mostrare in grandi display touch-screen distribuiti nei padiglioni e nei corridoi della fiera.
  • Il vantaggio di queste soluzioni è il grado di approfondimento che si riesce a dare a chi “interroga” il tabellone. Si può indicare il percorso da seguire, si possono filtrare gli stand per tipologie merceologiche, ecc.

oled-banner.jpg10. Creative Displays

  • È sempre più difficile trovare nuovi modi per attrarre e coinvolgere i visitatori allo stand, una soluzione potrebbe essere quella di incorporare tecnologie di visualizzazione non standard sullo stand.
  • Ecco quindi che gli schermi standard potrebbero venire sostituiti con touch screen in vetro trasparente, con i quali dare vita ai contenuti. Oppure con SmartWindows, schermi OLED trasparenti, tecnologia robotica, ipad wall, touch video wall, ecc. 

⇒ Potrebbe interessarti: Le 5 tecnologie  che gli espositori si aspettano di trovare ad una fiera

 

Elisa Giachelle

Written by Elisa Giachelle

Elisa Giachelle è partner di GRS Ricerca e Strategia (www.grsnet.it). Si occupa di ricerca strategica con particolare focus sulle tematiche legate all'internazionalizzazione e coordina le attività di marketing. Laureata in Economia e Commercio Estero, ha un master in Marketing e Comunicazione.

Seguici

 icon_twitter_ok.png  icon_facebook_ok.png  icon_linkedin_ok.png

Approfondimenti recenti

Iscriviti per ricevere gli Approfondimenti

Approfondimenti più letti

Notizie dalle Fiere